Essere fava oggi.

E’ ufficiale: sono una fava.

Domenica, nel giorno del mio 25° compleanno, sono stata insignita del prestigioso titolo dal nostro Presidente; per conto degli Elio e le Storie Tese mi ha consegnato la mia tessera, 4-dico 4- spillette, un adesivo di Cicciput e una penna giallo fosforescente: la trasformazione per entrare nel Fave Club si è compiuta.

Sono onorata di questo riconoscimento e ne approfitto per ringraziare anche il Dave e Gnazzo per i fiori stupendi, l’Hermann e Mino per il prezioso dvd di Battiato e tutti gli altri.

Ora vi saluto, vado a scoprire i vantaggi di essere Fava.

Keps*

eelst.png

Annunci

11 commenti

Archiviato in Attualità

11 risposte a “Essere fava oggi.

  1. Beh…complimenti, ma soprattutto Tanti Auguroniiiiii!!!!

    Ho sempre detto io che i Marzolini ( quelli nato in marzo ) sono i migliori… visto che lunedi 10 Marzo……..era il mio compleanno!!!!!!!!!!!!! 🙂

  2. hermann

    auguri ancora kepssssssssssss

    e anche alla wiwwiwiwiwiwiiwiwiwiwiwiwi

    fortissime le donne pupille!!!

    H.

  3. pupillegustative

    Ma dai Wiwi!!! Allora auguri anche a te!
    K*

  4. Auguri a tutte le favapupille 😉

  5. Giaco Mino

    Auguri marziane, marzine, marziole, marzioline, marziali, marzelle, marzolle, marzulle (no, marzulle no..).

  6. pupillegustative

    Grazie MarzeMino!
    Ho scoperto una nuova parola: marzemino=vitigno tipico del Trentino; vino di media gradazione e dall’odore delicato, prodotto da tale vitigno.
    Keps*

  7. Grazie degli Auguri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!…… non ci resta che festeggiare con un buon Marzemino allora…

  8. Gnazzo

    tutti a casa di mino????????

  9. pupillegustative

    Hey nati di marzo, guardate che dice l’Internazionale di noi:

    Pesci (19 febbraio – 20 marzo)
    È ora di ammettere, Pesci, che sei un’opera d’arte miracolosa, un capolavoro diverso da tutti quelli del passato. Non lo dico per assecondare il tuo egocentrismo. Quando ti invito a essere te stesso, non intendo quel te stesso che vuole sempre vincere, costi quel che costi, per poi ritrovarsi da solo in cima a una montagna di rifiuti alta quanto l’Everest. Intendo quel te stesso che dice grazie agli iris selvatici, alla pioggia, al vento e alle persone che coltivano i prodotti che mangi. Che lotta gioiosamente per far sbocciare i semi dell’amore e della bellezza. Il combattente per la libertà spirituale che cerca di inondare gli altri messia con i suoi doni migliori.

    …forse anche chi l’ha scritto è nato sotto il segno dei pesci?
    Keps*

  10. …mi ci ritrovo perfettamente! 🙂

  11. Uffa a me l’Internazionale, il Metro, il City, il Leggo…dicono tutti la stessa cosa, ovvero: che ho un segno sfigato. E me lo dicono sempre chiaro e tondo. Tiè Tiè, mi rifarò, Tiè Tiè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...