Una serata in compagnia di due personcine a modo.

Cari visitatori,

mi scuso per questi giorni di assenza, forzata, dal blog. Uffi, ho ben due film su cui scrivere e non ho il tempo di farlo. Per fortuna però, Il nostro amico Essedì è andato al concerto degli Oasis e ci regala questo articolo:

Oasis live @ Forum di Assago, 3 Febbraio 2009-02-03

1)Fuckin’ In The Bushes (lovely aaaaaall those guys fuckin’ in the bushes)
2)Rock ‘n’ Roll Star
3)Lyla
4)The Shock Of The Lightning
5)Cigarettes & Alcohol
6)The Meaning Of Soul
7)To Be Where There’s Life
8)Waiting For The Rapture
9)The Masterplan
10)Songbird
11)Slide Away
12)Morning Glory
13)Ain’t Got Nothin’
14)The Importance Of Being Idle
15)I’m Outta Time
16)Wonderwall
17)Supersonic
18)Don’t Look Back In Anger
19)Falling Down
20)Champagne Supernova
21)I Am The Walrus

Si vede subito che il concerto in realtà, è un concerto travestito da parentesi: “Fuckin’ in the bushes” con la voce della vecchiarda che al festival dell’isola di Wight loda i costumi hippy, e la beatlesiana “I am the walrus” psichedelica che più psichedelica non si può.
Il tutto suonato dal gruppo rock più normale che ci sia: la forza dei Gallagher è, da sempre, la normalità della loro grandezza, il loro stile pacato. Anche negli abusi, nelle sbronze, nelle risse, Gallagher e soci si sono sempre comportati da persone comuni.
Sei a presentare un album e ti portano degli scooter nuovi dall’Italia? Te ne sbatti della noiosa promozione, e scappi in giro per la città in Vespa.
Litighi con tuo fratello? Lo mandi al diavolo, e gli lasci finire il tour da solo
Sei in un locale tedesco, sbronzo e molesto? Finisci a fare a botte con dei tipacci e ti spaccano i denti.
Vorresti vedere il pallone d’oro nella tua squadra del cuore? Vai a suonare nella sua città e gli dedichi “Don’t look back in anger” (Don’t you know you might find, a better place to play…)
E se in passato ci avevano abituato a concerti un po’ sintetici a livello di durata, e magari con qualche imperfezione canora ( di Liam…anzi no, di Laiam, come ci insegna la presentatrice più pagata in Italia, o giù di li), ieri sera niente, sono stati anormalmente perfetti: quasi due ore di concerto, e Liam fresco, lindo, un po’ modaiolo (come parte del pubblico, arrivato direttamente dal San Carlo di Milano) e intonato.
Warhol ci diceva che nel futuro tutti avrebbero avuto diritto a 15 minuti di celebrità.
Gli Oasis sono andati oltre: per una notte possiamo essere tutti “rock’n’roll star”. E se ce lo diciamo tutte le sere, beh, è un gran bel vivere.

Essedì

Keps*

oasis

Keps*

Annunci

1 Commento

Archiviato in Attualità

Una risposta a “Una serata in compagnia di due personcine a modo.

  1. H

    liam non è modaiolo, lui è la moda.

    fantastico concerto anche se loro sono degli scoppiati…riusciranno per una volta a suonare per piu’ di 2 ore???
    certo in 2 sere…

    ahuaha

    H.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...